I Borghi Sostenibili del Piemonte

I Borghi Sostenibili del Piemonte

Quando si parte per le vacanze, sempre più spesso si cercano mete alternative che regalino non solo riposo e divertimento ma anche un’esperienza di vita all’insegna della sostenibilità e della natura.

Il Piemonte, con più di 25000 ettari di bosco, 94 aree protette, sette sacri monti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco, due parchi nazionali (Gran Paradiso e Val Grande) e infiniti spazi verdi, possiede un ricco patrimonio naturale e  propone ai propri ospiti un ambiente unico facendo della sostenibilità turistica il suo elemento distintivo.

Nasce così nel 2006 il progetto “Borghi sostenibili del Piemonte: località per un turismo più responsabile” che ha come intento quello di guidare il turista a visitare e scegliere i luoghi, soprattutto dal punto di vista della sostenibilità ambientale e del turismo responsabile.

Borghi Sostenibili Piemonte
Progetto “Borghi sostenibili del Piemonte: località per un turismo più responsabile”

Il progetto

Il progetto “Borghi Sostenibili del Piemonte: località per un turismo più responsabile” viene avviato più di dieci anni fa dalla regione Piemonte in collaborazione con Environment Park, parco scientifico tecnologico esperto di tematiche legate alla sostenibilità e alle buon pratiche energetiche e ambientali, che risiede tra i tavoli internazionali come il Global Innovation Network.

L’obiettivo del progetto è quello di promuovere località e destinazioni turistiche sostenibili valorizzando e premiando le iniziative in ambito di tutela dell’ambiente e del turismo responsabile intraprese dai comuni del territorio.

Il progetto nasce dalla volontà di rinnovare l’offerta turistica in chiave di sostenibilità ambientale da parte di una rete di dieci comuni appartenenti alle associazioni “Borghi autentici d’Italia” e del Club “I borghi più belli d’Italia“, iniziativa volta a migliorare la consapevolezza, la conoscenza e le competenze degli attori locali in tema di sviluppo sostenibile.

i comuni aderenti al progetto dei borghi sostenibili piemonte
I comuni aderenti al progetto 

Il progetto ha un suo sito www.borghisostenibili.it che raccoglie un ampio patrimonio di informazioni turistico ambientale per ognuno dei 24 comuni che ad oggi hanno ottenuto il marchio. Ogni borgo dispone di una ricca vetrina di informazioni su aree di interesse naturalistico, itinerari, manifestazioni, prodotti tipici e pratiche sostenibili.

All’interno del portale si possono trovare, oltre al ricco corredo di informazioni e link alle attrazioni turistiche, tutte le informazioni sulle buona pratiche turistiche e ambientali che vengono attuate sul territorio: dagli impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili ai progetti di riqualificazione ambientale e del paesaggio, dalle strutture in bioedilizia al decalogo del turista sostenibile.

Il portale è anche un luogo di confronto tra professionisti del settore e cittadinanza, a cui si ricorre per approfondire argomenti di natura tecnica e ambientale nell’ottica di un sempre maggiore sviluppo della sostenibilità.

I borghi

Questi borghi, ognuno con la sua specificità, sono accumunati da politiche turistiche in cui operatori pubblici e privati curano con particolare attenzione il rapporto tra sviluppo del territorio, natura e società adottando strategie operative.

Ostana, tra i borghi sostenibili piemonte
Ostana, uno dei borghi sostenibili del Piemonte

Tra i borghi aderenti al progetto c’è ad esempio Acceglio, un paese in provincia di Cuneo e ultimo comune dell’Alta Valle Maira. E’ un borgo segnato da una fitta rete di sentieri che attraversano grandiosi scenari panoramici, patria dell’escursionismo, dell’arrampicata e del Mountain Bike in estate e del scialpinismo in inverno.

Avigliana invece è un gioiello medievale alle porte della Valle di Susa sulla via per la Francia, situato in una conca naturale intorno ai due laghi nella piana che si apre sulla riva destra della Dora Riparia.

Bergolo è il comune compreso nel territorio delle langhe soprannominato “paese di pietra”, nome che deriva dal generale utilizzo della tipica pietra arenaria a vista delle sua costruzioni.

Possiamo citare poi Collereto Giacosa, paese naturale di Giuseppe Giacosa, drammaturgo, scrittore e librettista vissuto nell’800. Qui le case sono disposte a semicerchio e  viene chiamata “città a borgo aperto”. O ancora Volpedo, borgo natale del celebre pittore Giuseppe Da Volpedo, piacevole destinazione per scoprire la storia antica di un paese di campagna.

Altri comuni sono ad esempio Ostana, un piccolo borgo alpino disposto sul versante meridionale dell’Alta Valle Po,  San Damiano Macra, comune occitano situato a Cuneo nella parte bassa della Val Maira e nel cuore delle Alpi del Sole e Levice, piccolo paesino dell’Alta Langa, al confine tra Piemonte e Liguria caratterizzato da paesaggi terrazzati e valloni selvaggi; conosciuto per i tartufi, le cascine e la nocciola.

Nel progetto“Borghi Sostenibili del Piemonte: località per un turismo più responsabile” sono coinvolti anche gli albergatori delle zone  che consapevoli dell’importanza di un turismo sostenibile, hanno iniziato ad investire in ristrutturazioni dei loro alberghi e richiedere certificazioni Ecolabel.

>Scopri le strutture sostenibili in Piemonte

 

 

Tags:, , ,