Green Key

Il marchio Green Key, già attivo in Europa da molti anni, presenta caratteristiche di marchio molto simili al marchio Ecolabel, ma è gestito da un’organizzazione non governativa.
Green Key è un marchio di certificazione ambientale per le strutture turistiche ricettive che mira a contribuire ad
un turismo sostenibile premiando e promuovendo le buone pratiche di gestione ambientale internazionale
per: alberghi, campeggi, agriturismi, residence, ed altri, invitandoli a responsabilizzarsi verso l’ambiente.

Attualmente il programma Green Key è attivo in numerosi paesi tra i quali la Danimarca, la  Francia, la Groenlandia,  la Svezia, i  Paesi Bassi, e un numero sempre crescente di paesi, fra i quali l’Italia, ha avviato la procedura per entrare nel programma.
I criteri per il rilascio della certificazione Green-key consistono nel rispetto di alcuni requisiti standard validi
per tutti i Paesi che aderiscono al programma e in altri più specifici, adattati alla legislazione, infrastrutture e cultura
delle singole nazioni.

I requisiti riguardano tutti gli aspetti della vita della struttura turistica.

I benefici che le strutture turistiche possono trarre da una certificazione di questo tipo sono di immagine ed economici comportando un risparmio nei costi di acqua, energia, smaltimento rifiuti, e un vantaggio evidente in termini di immagine attraverso la fama internazionale del marchio.

I criteri di valutazione per il rilascio della certificazione Green-key si dividono i tre tipologie:

  •  Imperativi (I) – obbligatori per il rilascio del marchio;
  •  Essenziali (E) – devono essere conseguiti entro due anni dal rilascio del marchio;
  •  Facoltativi (F) – a discrezione della struttura;
    Riguardano 12 aree:
    1. Gestione ambientale
    2. Coinvolgimento dello staff
    3. Informazioni per gli ospiti
    4. Acqua
    5. Pulizia e prodotti di pulizia
    6. Rifiuti
    7. Energia
    8. Alimenti
    9. Ambiente esterno
    10. Aree verdi di parcheggio
    11. Attività  all’ aperto
    12. Amministrazione.